Categorie
STAMPA

Madama Butterfly – Torre del Lago

Madama Butterfly - Torre del Lago

Torre del Lago – Agosto 2015

Merito di queste performance va dato anche al direttore d’orchestra, il giovane Francesco Ivan Ciampa ha certamente colto l’importanza della capacità di lettura oltre le note dello spartito, il rispetto dei tempi e quell’equilibrio sempre difficile che crea un impasto pregevole e avvincente. Con lui l’orchestra del Festival Puccini, nonostante un tempo decisamente inclemente per gli strumenti visto l’alto tasso di umidità, ha regalato delle sonorità che certamente saranno piaciute al Maestro Lucchese che, abbandonato il suo giaciglio in villa, magari si sarà affacciato ad una delle finestre per godersi la sua musica, così come aveva chiesto, prima della morte, all’amico Gioacchino Forzano: «… Io vado sempre qui davanti e poi con la barca vado a cacciare i beccaccini … Ma una volta vorrei andare qui davanti ad ascoltare una mia opera all’aperto…»

Fonte: Pensalibero.it

Categorie
STAMPA

Torino-Teatro Regio: La Traviata

Torino - Teatro Regio: La Traviata

Torino, Teatro Regio – 11, 16, 21, 25 Luglio 2015

“Sul podio, Francesco Ivan Ciampa ottiene dalla reattiva orchestra torinese suono, corpo, intensità espressiva, seguendo adeguatamente i cantanti e mantenendo un buon equilibrio con la buca; asseconda i momenti registici forti ed esalta la carica drammatica della partitura, ottenendo una fusione coerente e compatta con il palcoscenico nel suo complesso. Lascia libera la protagonista nella sua interpretazione ma non molla mai la tensione, scegliendo dei tempi molto sostenuti e incalzanti.”

Fonte: OperaClick

Categorie
STAMPA

Elisir d’amore – Buenos Aires, Teatro Colon

Elisir d'amore: Buenos Aires, Teatro Colon

Buenos Aires, Teatro Colon – 8, 9, 10, 12, 14 Maggio 2015

“Expresiva la orquesta bajo la batuta del joven italiano Francesco Iván Ciampa, sosteniendo la acción con swing, bello sonido, vivacidad y plasticidad en el acompañamiento. Brillaron los ensambles y los logrados números de masa.”

Fonte: La Nacion