Che forza quella “Forza del destino”

“Dal podio, Francesco Ivan Ciampa ha diversi meriti. Intanto, questa «Forza» è integrale, che nel caso dell’opera di Verdi più maltrattata da spostamenti di brani, tagli e manomissioni varie è già un successo. E poi Ciampa è sempre incalzante, come se l’opera fosse una gran ballata romantica da raccontare senza pause, in un vortice sempre più vertiginoso, appunto, di destini incrociati. In questa direzione arrembante, però, Ciampa riesce sempre a mettere il palcoscenico a suo agio e fa suonare bene l’Orchestra regionale.”

 

Fonte: La stampa